“Stasera che scienza!” è un ciclo di conferenze in “prima serata” con alcuni tra i più popolari comunicatori della scienza italiani, che parlano di temi scientifici di forte interesse e attualità, dialogando con il pubblico.

Tutti gli incontri si tengono nella sede di Trento della Fondazione Bruno Kessler, in via S. Croce 77, con inizio alle ore 20.30L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

La prima edizione si è svolta tra gennaio e maggio 2019, con ospiti Massimo Polidoro, Silvia Bencivelli e Amedeo Balbi.

Ecco il programma della seconda edizione, che si svolgerà tra ottobre 2019 e aprile 2020:

program

 

I temi e gli speaker:

Giovedì 24 ottobre 2019

ASTROBUFALE – TUTTO CIÒ CHE SAPPIAMO, MA NON DOVREMMO SAPERE, SULLO SPAZIO, con Luca Perri

Nel corso dei secoli, sullo spazio, ne abbiamo sentite tante. Ma sono tutte vere? Un quiz su falsi miti, leggende metropolitane e abbagli per fare un po’ di chiarezza sulle cose che conosciamo ma che non dovremmo conoscere, perché sbagliate. E per scoprire insieme come la realtà sia molto più affascinante della fantasia.

Luca Perri è astrofisico e astronomo dell’Osservatorio di Merate, del Planetario di Milano e del Planetario di Lecco. Si occupa di divulgazione su radio, televisioni, carta stampata, festival e social network. Tra le sue collaborazioni vi sono “Kilimangiaro” (Rai 3), Radio2, Radio Deejay, Radio Capital, Repubblica, Focus, Focus Junior, Pikaia, CICAP, Festival della Scienza di Genova e BergamoScienza. È campione italiano e finalista internazionale di FameLab 2015, talent show sulla divulgazione scientifica. Scrive e conduce rubriche all’interno di diversi programmi di Rai Cultura, per cui è anche autore e conduttore della trasmissione “Nautilus”. È inoltre autore e formatore per DeAgostini Scuola. Ha pubblicato i libri «La pazza scienza» (Sironi Editore), «Errori Galattici» e «Partenze a Razzo» (DeAgostini) e «Astrobufale» (Rizzoli), vincitore del Premio COSMOS degli Studenti 2019.


Mercoledì 11 dicembre 2019

IL TRUCCO C’È E SI VEDE – I COSMETICI VISTI CON GLI OCCHI DELLA SCIENZA, con Beatrice Mautino

Deodoranti senza parabeni, shampoo rivitalizzanti, booster di collagene, tecnologie micellari: siamo sommersi da ogni tipo di informazione sui cosmetici. La televisione ci bombarda di pubblicità, le riviste reclamizzano le ultime novità e ci imbattiamo di continuo in articoli allarmanti su prodotti e ingredienti che potrebbero causare disturbi e malattie. Di quello che ci spalmiamo addosso conosciamo solo ciò che il marketing vuole farci sapere: molto poco. Come districarsi in questa giungla? Siamo sicuri che la confezione racconti davvero il contenuto del cosmetico che stiamo acquistando? Sono informazioni utili? Ci permettono di capire se un nuovo prodotto è migliore? I bollini sono una garanzia di qualità? Scopriremo che cosa si nasconde dietro agli slogan sulle confezioni di trucchi, creme e sieri antirughe, cercando di fare chiarezza per difenderci da truffe e false promesse.

Beatrice Mautino è biotecnologa e divulgatrice scientifica. Cura la rubrica “La ceretta di Occam” sul mensile “Le Scienze” ed è autrice di saggi di successo come «Contro natura» con Dario Bressanini (Rizzoli, 2015) e «Il trucco c’è e si vede» (Chiarelettere, 2018), arrivato alla nona ristampa e tradotto in due lingue. È cofondatrice e socia di Frame – divagazioni scientifiche, agenzia che si occupa di progettare e organizzare mostre e festival scientifici di rilievo internazionale. Su Youtube e Instagram è @divagatrice.


Sabato 22 febbraio 2020

SIAMO QUELLO CHE NON MANGIAMO, con Dario Bressanini

”Siamo ciò che mangiamo” diceva il filosofo Ludwig Feuerbach, ma negli ultimi tempi sembra più diffuso il suo contrario: “Siamo ciò che non mangiamo”. Sempre di più molte persone si definiscono in base a cosa eliminano dalla dieta: lattosio, glutine, prodotti animali, glutammato, tutti gli zuccheri, oppure solo quelli bianchi, e così via. Vedremo come in molti casi queste esclusioni non abbiano un fondamento scientifico.

Dario Bressanini insegna Chimica e Tecnologia degli Alimenti presso l’Università dell’Insubria a Como. È titolare sulla rivista “Le Scienze” della rubrica «Pentole e provette», dedicata all’esplorazione scientifica del cibo. Ha pubblicato «OGM tra leggende e realtà» (Zanichelli 2009), «Pane e Bugie» (Chiarelettere 2010), «I giochi matematici di fra’ Luca Pacioli» (Dedalo, 2011), «Le bugie nel carrello» (Chiarelettere, 2013), insieme a Beatrice Mautino, «Contronatura» (Rizzoli, 2015) e “La Scienza della Carne” (Gribaudo, 2016). È autore del popolare blog «Scienza in Cucina».


Giovedì 16 aprile 2020

CRISI CLIMATICA E AMBIENTALE: RISCHI SOTTOVALUTATI, SOLUZIONI LENTE, con Luca Mercalli

Siamo entrati in una nuova epoca geologica, l’Antropocene. La sua caratteristica è l’impatto dell’umanità sull’ambiente globale. Quali sono i limiti fisici da non superare se vogliamo evitare il collasso degli ecosistemi e del clima? Come raggiungere consapevolezza della sfida epocale che abbiamo di fronte? Le soluzioni ci sono, dalle energie rinnovabili alla diminuzione dei rifiuti, ma ogni giorno che perdiamo rende la strada più difficile e i rischi più elevati. Dobbiamo agire in fretta, per la qualità di vita nostra e dei nostri figli e nipoti e per la sopravvivenza della nostra stessa specie.

Luca Mercalli (Torino, 1966), climatologo, presiede la Società Meteorologica Italiana, si occupa di ricerca su climi e ghiacciai alpini, insegna sostenibilità ambientale in scuole e università in Italia (Università di Torino-SSST, Università di Scienze Gastronomiche Pollenzo), Svizzera e Francia e la pratica in prima persona, vivendo in una casa a energia solare, viaggiando in auto elettrica e coltivando l’orto. Consulente dell’Unione Europea e consigliere scientifico di ISPRA-Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Per la RAI ha lavorato a “Che tempo che fa”, “Scala Mercalli”, “TGMontagne” e Rainews. Editorialista per “La Stampa” e “Il Fatto Quotidiano”, ha al suo attivo migliaia di articoli e oltre 2000 conferenze. Tra i suoi libri: «Filosofia delle nuvole», «Il clima che cambia», «Prepariamoci», «Il mio orto tra cielo e terra», «Non c’è più tempo», e il libro per bambini «Uffa che caldo».